Chi Siamo

Misenplace

I 150 anni dall’Unità d’Italia e  i 100 anni dalla morte del padre della cucina italiana Pellegrino Artusi , sono stati gli stimoli migliori per dar vita ad un nuovo progetto: “Misenplace” Laboratorio di idee e di cucina.

Il merito di Pellegrino Artusi è quello di aver operato una fusione fra la tradizione culinaria toscana e quella dell’Emilia Romagna inserendo suggestioni provenienti da altre regioni e da paesi stranieri.
Promuovendo per la prima volta un modello dove i rigorosi confini delle tradizioni culturali regionali, divise in Nord, Centro e Sud, venivano abbattuti per ricreare un insieme armonioso, in linea con il momento storico dell’unificazione nazionale.
Attraverso le sue ricette  gli Italiani divennero sia più consapevoli dell’esistenza delle diverse regioni sia, allo stesso tempo, di appartenere ad un’unica comunità.

E’ seguendo lo spirito dell’Artusi che lo scopo del Laboratorio “Misenplace” è quello di promuovere la cultura enogastronomica e la riscoperta della storia e delle tradizioni culinarie italiane e proporre novità dal mondo; di elaborare e realizzare progetti educativi  per una sana e corretta alimentazione; di promuovere la conoscenza e la diffusione di prodotti enogastronomici tipici locali; di sperimentare l’abbinamento dei cibi con altre forme artistiche quali ad esempio architettura, pittura, musica, design, cinema, teatro, fotografia, viaggi e letteratura.

E se il passaggio dal cibo alla letteratura vi sembra troppo, chiudo con questa citazione dell’Artusi:

“Non vergogniamoci dunque di mangiare il meglio che si può e ridiamo il suo posto anche alla gastronomia. Infine anche il tiranno cervello ci guadagnerà, e questa società malata di nervi finirà per capire che, anche in arte, una discussione sul cucinare l’anguilla, vale una
dissertazione sul sorriso di Beatrice.”